Buona Pasqua

DSCF0011

Amici, che questo giorno possa essere luminoso, possa essere delicato e dolce. Tutto è difficile, talvolta terribile in queso periodo, ma vedere lassù, in quell’azzurro trasparente, qualcosa che può renderci leggeri e armoniosi è forse un grande atto di tenerezza nei confronti della vita e di noi stessi. Che sia una Pasqua di tenerezza, anche nella distanza fisica possa continuare ad esistere e a germogliare nel nostro cuore.

Con grande grande affetto, vi abbraccio tutti

le Pastel Bleu

Friends, that this day can be bright, it can be delicate and sweet. Everything is difficult, sometimes terrible in this period, but seeing up there, in that transparent blue, something that can make us light and harmonious is perhaps a great act of tenderness towards life and ourselves. May it be an Easter of tenderness, even in physical distance it may continue to exist and sprout in our hearts.

With great affection, I embrace you all

E sketchiamo da casa

img20200316_09344831

Gli Urban Sketchers di Trieste hanno  organizzato una maratona di disegno dal vero, per 15 giorni postiamo uno schizzo a tema stabilito: colazione

img20200317_16181479

i tetti che vediamo da casa

img20200318_17270863

mobili ed oggetti amati

img20200320_16460005

tecnologie di casa…

img20200319_18071340

attrezzi di lavoro

img20200323_17473587

il cielo

img20200321_16500450

fame!

img20200324_17143962

ed oggi: oggetti dimenticati

 

molto divertente, sembra di essere ad una riunione di amici con interessi comuni

un abbraccio a voi tutti!

Urban Sketchers Liguria

img20200314_16114947

Visto che non si può andare a disegnare insieme in giro per la Liguria, l’iniziativa di oggi è di disegnare e condividere quello che vediamo dalla finestra. Un modo anche questo di farci compagnia…

Pensavo di mettere un cartello alla mia finestra ed invitare tutti i miei dirimpettai a prendere un caffè al davanzale della propria casa, così ci vediamo e ci salutiamo da un palazzo all’altro…cosa ne pensate?

oh, Terra mia

img20200309_16334015

Quanto ti amo, Terra mia, tu, che sei Liguria, che sei Toscana e un poco di Piemonte, quanto ti amo, Terra mia! E anche tu, Terra lontana e mai vista, mia amata Italia, anche tu sei la mia Terra

How much I love you, my Land, you, who are Liguria, who are Toscana and a little of Piemonte, how much I love you, my Land! And you too, distant and never seen Land, my beloved Italy, you are also my Land

img20200310_16590181

E amo voi, gente che la popolate, con le vostre debolezze che sono le mie, le vostre forze, attitudini, aspirazioni che sono le mie. Tutto ci accomuna in questo tempo di paura, incertezza, solitudine e vicinanza

And I love you, people who populate it, with your weaknesses which are mine, your strengths, attitudes, aspirations which are mine. Everything unites us in this time of fear, uncertainty, solitude and closeness

img20200313_16372084

non ho che il potere del colore per rendere a Voi qualcosa, solo vane pennellate che porto faticosamente sulla carta

I have only the power of color to make something for you, only vain brush strokes that I put on paper

img20200312_14394743

ma grande è l’amore, tanto grande che avrei bisogno di due cuori per contenerlo tutto

but great is love, so great that I would need two hearts to contain it all

ancora e ancora

img20191226_19004048

questo lavoro su “Il Cane e al Bambina” è lunghissimo, tocca corde intime e profonde, ha bisogno di pensieri e ripensamenti…inserisco oggetti che hanno significati e memoria, raccontano luoghi e situazioni…e non so ancora dove mi porteranno, ora, per la prima volta compare il nome del Cane

this work on “The Dog and the Baby” is very long, it touches intimate and deep strings, it needs thoughts and second thoughts … I insert objects that have meanings and memories, they tell places and situations … and I still don’t know where they will take me, now, for the first time the name of the Dog appears

Buon Natale

Grechetto_1645_LadorazionedeiPastori_wg

Scelgo due immagini di due dei più grandi artisti del seicento genovese, “il secolo d’oro di Genova”,  per augurarvi un Natale pieno di armonia e dolce introspezione, di un poco di silenzio simbolo di serenità e ascolto in sintonia con l’Universo.

Le Pastel vi abbraccia con grande affetto, non mi sento all’altezza di poter comunicare con un mio disegno la bellezza del momento del Natale, al di là di essere o meno credenti in una religione. Nel Natale c’è la magia della nascita e delle rinascita, dell’ascolto, del donarsi, del farsi parte del Tutto. Così, vi regalo due meravigliose nascite, quella del Grechetto e quella di Valerio Castello.

Buon Natale amici!

La Madonna del velo_castello

I choose two images of two of the greatest Genoese artists of the seventeenth century, “the golden century of Genoa”, to wish you a Christmas full of harmony and sweet introspection, of a little silence symbol of serenity and listening in harmony with the Universe .

Le Pastel embraces you with great affection, I do not feel up to being able to communicate with my design the beauty of the moment of Christmas, beyond being or not believing in a religion. In Christmas there is the magic of birth and rebirth, of listening, of giving oneself, of being part of the Whole. So, I give you two wonderful births, that of Grechetto and that of Valerio Castello

Merry Christmas Friends!

 

Je choisis deux images de deux des plus grands artistes génois du XVIIe siècle, “le siècle d’or de Gênes”, pour vous souhaiter un Noël plein d’harmonie et de douce introspection, d’un petit silence symbole de sérénité et d’écoute en harmonie avec l’Univers .

Le Pastel vous embrasse avec une grande affection, je n’ai pas envie de pouvoir communiquer avec mon peinture la beauté du moment de Noël, au-delà d’être ou de ne pas croire à une religion. A Noël, il y a la magie de la naissance et de la renaissance, de l’écoute, du don de soi, de faire partie du Tout. Je vous donne donc deux merveilleuses naissances, celle de Grechetto et celle de Valerio Castello.

Joyeux  Noël!

!

Volevo fare la rockstar

sono senza televisione, mai avuta, mai desiderata, però, ho scoperto (mi hanno fatto scoprire) Rai play e talvolta la sera navigo nel web e guardo qualcosa…ho visto alcuni episodi di una divertente serie, molto delicata e simpatica con un delizioso Giuseppe Battiston. Alla terza puntata dove le protagoniste commentano un libro, mi sono accorta che è un libro che scrissi e illustrai anni fa, e che lo stesso è inserito nella sigla di apertura. Mi ha fatto molto piacere non per soddisfare il mio ego ma per supporre che i miei disegni e i miei racconti possono emozionare e far sognare i bambini…bel mestiere mi sono detta, a discapito dell’enorme fatica che faccio e ho fatto per trovare lavoro, far vedere i miei disegni, far leggere i miei testi…mondo difficile quello dell’editoria, ma che incanto disegnare!