acqua

img20200829_11262201

e dopo un’attesa stremante, aria condensata in elettricità, vortici di calore rappreso, sospensione tra grida di gabbiani e una cappa ansimante, ecco:

l’aria si fa tempesta e vento e acqua;  il mare diventa cielo e il cielo si respira il mare, lassù, in alto, grumi di indaco risucchiati dal bruno nerasto, una striscia di luce, un tocco di rosa come una spolverata di cipria.

Ed io, a diventare elementi acquosi e ventosi, beata: un tratto appena accennato, più per diventare parte del tutto che per dipingere

Forme disgregate

img20200820_15172690

Miei cari! quanto quanto tempo di assenza, e me ne scuso…la quarantena ha fatto scattare in me una necessità di ricerca dell’essenziale. Difficile spiegarsi, difficile raccontarlo. Lontano dai mezzi di comunicazione per arrivare al proprio essenziale attraverso un lungo viaggio interiore fatto di pittura, musica, lettura. Bisogno di non stare al telefono, di non ascoltare la radio. Sperimentare e approfondire più tecniche possibile anche perché mi accorgo che ogni tecnica pittorica dà possibilità e intenti diversi, molto più di quel che credevo.

L’acquerello che, assieme alla tempera, amo molto, sta diventando una specie di metafora della rappresentazione figurativa: cosa è figurazione? perché cercare sempre una traccia realistica in quello che realtà non è, essendo un’espressione pittorica?

é una via molto più complessa nella pratica che nella teoria: quando si è percorso un certo  tracciato  per anni, cercare un orizzonte diverso è molto difficile…ma non demordo, l’acquerello è la tecnica che meglio consente certi cambiamenti di rotta: veloce, immediato, è pulito solo se fatto di getto, altrimenti rischia di diventare un pò “pesto” e un surrogato del colore ad olio, almeno, questo è quello che vale per il mio lavoro.

Ho piacere di condividere con voi un piccolo acquerello che sta faticosamente cercando di imboccare un sentiero appena tracciato.

Un abbraccio a tutti, forte e affettuoso

Buona Pasqua

DSCF0011

Amici, che questo giorno possa essere luminoso, possa essere delicato e dolce. Tutto è difficile, talvolta terribile in queso periodo, ma vedere lassù, in quell’azzurro trasparente, qualcosa che può renderci leggeri e armoniosi è forse un grande atto di tenerezza nei confronti della vita e di noi stessi. Che sia una Pasqua di tenerezza, anche nella distanza fisica possa continuare ad esistere e a germogliare nel nostro cuore.

Con grande grande affetto, vi abbraccio tutti

le Pastel Bleu

Friends, that this day can be bright, it can be delicate and sweet. Everything is difficult, sometimes terrible in this period, but seeing up there, in that transparent blue, something that can make us light and harmonious is perhaps a great act of tenderness towards life and ourselves. May it be an Easter of tenderness, even in physical distance it may continue to exist and sprout in our hearts.

With great affection, I embrace you all

E sketchiamo da casa

img20200316_09344831

Gli Urban Sketchers di Trieste hanno  organizzato una maratona di disegno dal vero, per 15 giorni postiamo uno schizzo a tema stabilito: colazione

img20200317_16181479

i tetti che vediamo da casa

img20200318_17270863

mobili ed oggetti amati

img20200320_16460005

tecnologie di casa…

img20200319_18071340

attrezzi di lavoro

img20200323_17473587

il cielo

img20200321_16500450

fame!

img20200324_17143962

ed oggi: oggetti dimenticati

 

molto divertente, sembra di essere ad una riunione di amici con interessi comuni

un abbraccio a voi tutti!

Urban Sketchers Liguria

img20200314_16114947

Visto che non si può andare a disegnare insieme in giro per la Liguria, l’iniziativa di oggi è di disegnare e condividere quello che vediamo dalla finestra. Un modo anche questo di farci compagnia…

Pensavo di mettere un cartello alla mia finestra ed invitare tutti i miei dirimpettai a prendere un caffè al davanzale della propria casa, così ci vediamo e ci salutiamo da un palazzo all’altro…cosa ne pensate?

oh, Terra mia

img20200309_16334015

Quanto ti amo, Terra mia, tu, che sei Liguria, che sei Toscana e un poco di Piemonte, quanto ti amo, Terra mia! E anche tu, Terra lontana e mai vista, mia amata Italia, anche tu sei la mia Terra

How much I love you, my Land, you, who are Liguria, who are Toscana and a little of Piemonte, how much I love you, my Land! And you too, distant and never seen Land, my beloved Italy, you are also my Land

img20200310_16590181

E amo voi, gente che la popolate, con le vostre debolezze che sono le mie, le vostre forze, attitudini, aspirazioni che sono le mie. Tutto ci accomuna in questo tempo di paura, incertezza, solitudine e vicinanza

And I love you, people who populate it, with your weaknesses which are mine, your strengths, attitudes, aspirations which are mine. Everything unites us in this time of fear, uncertainty, solitude and closeness

img20200313_16372084

non ho che il potere del colore per rendere a Voi qualcosa, solo vane pennellate che porto faticosamente sulla carta

I have only the power of color to make something for you, only vain brush strokes that I put on paper

img20200312_14394743

ma grande è l’amore, tanto grande che avrei bisogno di due cuori per contenerlo tutto

but great is love, so great that I would need two hearts to contain it all

ancora e ancora

img20191226_19004048

questo lavoro su “Il Cane e al Bambina” è lunghissimo, tocca corde intime e profonde, ha bisogno di pensieri e ripensamenti…inserisco oggetti che hanno significati e memoria, raccontano luoghi e situazioni…e non so ancora dove mi porteranno, ora, per la prima volta compare il nome del Cane

this work on “The Dog and the Baby” is very long, it touches intimate and deep strings, it needs thoughts and second thoughts … I insert objects that have meanings and memories, they tell places and situations … and I still don’t know where they will take me, now, for the first time the name of the Dog appears