acqua

img20200829_11262201

e dopo un’attesa stremante, aria condensata in elettricità, vortici di calore rappreso, sospensione tra grida di gabbiani e una cappa ansimante, ecco:

l’aria si fa tempesta e vento e acqua;  il mare diventa cielo e il cielo si respira il mare, lassù, in alto, grumi di indaco risucchiati dal bruno nerasto, una striscia di luce, un tocco di rosa come una spolverata di cipria.

Ed io, a diventare elementi acquosi e ventosi, beata: un tratto appena accennato, più per diventare parte del tutto che per dipingere

9 pensieri su “acqua

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...